News


02 agosto 2016
La garanzia incerta!

Garanzia Giovani in Sicilia: on line la relazione di SEND

Uno sguardo sulla gestione delle politiche attive del lavoro in Sicilia: SEND ha elaborato una relazione sul primo anno di lavoro con Garanzia Giovani.


SEND Agenzia per il lavoro e la mobilità internazionale di Palermo presenta la sua esperienza di gestione e promozione del programma Garanzia Giovani in Sicilia.

A distanza di un anno dall'avvio di GG in Sicilia  - programma il cui obiettivo generale è quello di favorire l'ingresso dei giovani, dai 15 ai 29 anni, nel mercato del lavoro, soprattutto attraverso la promozione di tirocini regionali ed internazionali - e sulla scia delle polemiche sollevate dai partecipanti delusi e stanchi di aspettare i pagamenti delle indennità, SEND ha elaborato una relazione attraverso cui vengono individutati alcuni aspetti critici che non hanno ancora reso possibile la chiusura delle procedure amministrative e l'erogazione dei pagamenti delle misure avviate e propone alcuni aggiustamenti relativi alla struttura gestionale del servizio.
 
E' noto che molti tirocinanti non abbiano ricevuto il pagamento delle indennità: a titolo di esempio, si racconta la vicenda di 11 giovani siciliani, fortunati perchè hanno potuto svolgere un tirocinio Garanzia Giovani in Europa, ma che, ad oggi, contrariamente alle rassicurazioni del Dipartimento Regionale del Lavoro sulla disponibilità finanziaria anche per gli stage in Europa, non hanno ricevuto un euro di rimborso.
E si riporta anche lo smacco subito da altri 22 partecipanti intenzionati a svolgere anche loro i tirocini internazionali, che non sono stati autorizzati per mancanza di fondi, trattandosi, invece, di misura con una linea di finanziamento distinta che non sarebbe dovuta confluire nel buco nero dei tirocini regionali e che, purtroppo, lo ricordiamo, sono stati attivati in numero triplicato a quanto previsto in programmazione. In tal senso si propone anche un resoconto sulla gestione dei tirocini a livello regionale.

SEND la cui prerogativa è la mobilità internazionale ha investito tempo e risorse per la promozione di questa misura che si è rivelata una bolla di sapone sia per i candidati che per la nostra organizzazione. Si ritiene pertanto importante anche portare in evidenza la questione dei rimborsi spettanti alle Agenzia per il Lavoro, gli enti che hanno attuato il programma. Le agenzie, che operano all'interno del sistema di politiche attive del lavoro nazionale e regionale, a nostro parare hanno dovuto lavorare in una struttura che è risultata essere inadeguata, poco trasparente nelle procedure gestionali e nella divulgazione delle informazioni e non ancora dotata di strumenti efficienti.

Data questa situazione, SEND non ha potuto svolgere il suo lavoro con la necessaria attenzione e cura ai bisogni dei beneficiari ed allo svolgimento delle attività messe in atto, ovvero non ha potuto erogare un servizio pubblico che si esprime attraverso la comunicazione di informazioni precise, l'attivazione di misure sulla base di procedure e tempi di realizzazione e pagamento certi, causando un notevole danno d'immagine e di reputazione.

Infine, con questo documento si vuole contribuire al miglioramanto del servizio condividendo alcuni suggerimenti che, se attuati, potrebbero alleggerire le procedure ed offrire un servizio ai giovani più rispondente alle difficoltà che emergono dal mercato del lavoro e mettendo in atto azioni più concrete nei tempi di eragazione degli incentivi all'occupazione riservati ai giovani.


Allegati